visitatori

domenica 26 febbraio 2012

otto per mille


Un buon pastore conosce bene le suo pecore: ne tiene a mente il numero, Il colore dei vello, le abitudini, le tendenze.

Figuriamoci un Pastore Generale!
La Chiesa  conosce bene le tendenze dei fedeli.

Papa e vescovi sanno, per esempio, che se l’insegnamento della religione cattolica nella scuola fosse davvero – onestamente - facoltativo, i giovanotti, cattolicissimi battezzati, se ne andrebbero tutti a spasso nella ultima ora o entrerebbero alla seconda ora, e col prete in classe ci resterebbero, furiosi, i soliti pochi integralisti ciellini.                        
                                                 
Sanno che se i cittadini - cattolicissimi battezzati - potessero scegliere se dare i soldi  dell’otto per mille alla Chiesa o tenerseli per sé, vescovi preti monaci cardinali suore prelati priori sacrestani chierichetti e confratelli assortiti potrebbero sin da ora iscriversi, tutti in fila, al collocamento in cerca di  un lavoro per guadagnarseli i pani e i pesci.

Lo sanno, per questo hanno “concordato” la obbligatorietà.