visitatori

venerdì 16 novembre 2012

Matera, quaderni dal traffico - 0



(…) L’ufficio di Balena era nella zona industriale, in fondo al pendio ripido di una collina sbancata, pettinata in lungo dai fabbricati in fila per due: una concessionaria d’automobili e una ditta di trasporti, una di trasporti su gomma e due concessionarie d’auto. E poi edilizia, materiali edili, materie per le costruzioni, mattoni, piastrelle e ancora concessionarie auto e moto e camion e automobili e accessori per auto e macchine per l'edilizia e mattoni e laterizi da costruzione.
Matera non è più una città contadina, la globalizzazione è arrivata anche qui, ma non col treno che si è fermato a Eboli: è arrivata in automobile.
Matera è una città fondata sulle scatole per umani, fisse e semoventi. (…)

tratto da "Un greto di ciottoli"