visitatori

martedì 20 maggio 2014

De tu querida presencia

http://www.grr.rai.it/dl/grr/edizioni/ContentItem-003ebcbc-7629-4bfe-9714-646935f85863.html

Nel corso del GR3 delle 18,45 di ieri hanno trasmesso, fra l'altro, una parte del discorso che il Papa ha tenuto presiedendo la conferenza episcopale.
Conviene riascoltarlo cliccando il link qui sopra e puntando direttamente sul minuto 11° del podcast. Il testo, compreso il virgolettato, è il seguente:

Papa Francesco ha voluto ricordare ai vescovi la necessità di mettere in discussione un modello di sviluppo inumano: "che sfrutta il creato, sacrifica le persone sull'altare del profitto e crea nuove forme di emarginazione e di esclusione. Il bisogno di un nuovo umanesimo è gridato da una società priva di speranza."

Poffarbacco.
In sostanza, se le parole hanno ancora un senso, il Papa sta parlando del modello capitalistico, sta dicendo che il modello di sviluppo fondato sullo sfruttamento e sul profitto è inumano, dice che la società capitalista è priva di speranza e invita i vescovi (i vescovi !!) a mettere in discussione il capitalismo, e a promuovere un nuovo umanesimo!
Ma allora ! ... Allora ...
Benvenuto, Papa, benvenuto! Meglio tardi che mai, prendi una sedia e vieni attorno al fuoco, qui sei al sicuro; ma sta attento là fuori, attento a divulgare questi pensieri: molti compagni che facevano questi discorsi son scomparsi, spariti nel nulla, qualcuno dice arrestati, torturati, qualcuno dice ammazzati e i corpi buttati ai cani da omacci in divisa cogli occhiali a specchio; non si sa. Non so come si dice da voi in Argentina, noi li chiamiamo desaparecidos. Dicevano, questi compagni, proprio le cose che hai detto tu, invocavano la fine dello sfruttamento degli esseri umani da parte dei ricchi, denunciavano la cupidigia di produrre sempre più ricchezza per i potenti, invocavano umanità, volevano pane e lavoro, chiedevano giustizia.
Per secoli questi pensieri sono stati considerati una IDEOLOGIA sbagliata e sovversiva e coloro che la nutrivano sono stati considerati pericolosi per la società e per l'ordine costituito, perseguitati, fatti marcire in galera e massacrati, e infine emarginati. Qualcuno dice per sempre.
Tu fa attenzione: anche a questi compagni capitava che i loro discorsi fossero censurati e con te hanno già cominciato.
Per esempio, quella stessa sera nel GR1 delle 19, di questa frase non vi era traccia: il giornalista si soffermava sulle solite raccomandazioni circa la famiglia e il nascituro (of course), ma dell'esortazione ai vescovi, nulla! E nel TG1 delle ore 20, in TV, nessun accenno a queste frasi sovversive, atte a turbare l'ordine costituito. Forse sui giornali, all'interno del testo completo, magari lo hanno stampato, non ho comprato l'Avvenire per controllare, ma controlla tu, chissà, magari a quelli dell'attico da 700 metri quadri è sfuggito.
Caro Papa, che non ti tocchi entrare in clandestinità - un giorno di questi? Sai com'è...
Nell'attesa, Comandante FranCHEsco, se ti serve qualcuno per l'attacchinaggio e i volantini all'uscita delle fabbriche, fai un fischio: noi ci siamo, che un ciclostile ancora si rimedia, da qualche parte. 
Hasta la victoria, siempre.
COMANDANTE FRAN-CHE-SCO

HASTA LA VICTORIA, SIEMPRE !