visitatori

venerdì 18 settembre 2015

evasione fiscale e omertà della stampa



Altra notizia senza notizia.
A che serve dare notizie simili se non si dice il nome dell’evasore?
Che un avvocato evada il fisco non è una notizia, si sa già: occorre dirne il nome, perché sia informazione, altrimenti è aria fritta, si può anche non darla proprio nei TG questa velina.
La notizia invece sta nel fatto che un evasore sia stato scoperto. Il pubblico quindi, oltre a voler sapere chi sia, questo signore (si fa per dire), si attende che venga severamente penalizzato, con la restituzione di tutto quello che ha sottratto alla collettività e rimettendoci anche del suo: non può bastare restituire con una multa una piccola parte del bottino e tenersi il malloppo.
E soprattutto, in questi casi, la stampa su carta, TV e on line, deve doverosamente fornire al pubblico le complete generalità del malfattore; solo così la notizia diviene utile, perché i lettori, saputo di chi si tratta, possano decidere se ancora rivolgersi a quel professionista oppure meglio scegliere qualcuno più onesto.

Tacere i nomi, con la scusa della privacy è omertà.