visitatori

sabato 2 gennaio 2016

La vita culturale della città.

La vita culturale della città sembra la caricatura delle attività scolastiche dei nostri figli: la recita di Natale e il presepe vivente con la maestra prevalente, il saggetto di flauto dolce con la proffa di musica, la recita di carnevale, la mostra dei manufatti in Fiera con il prof di applicazioni tecniche, il saggetto di danza classica e moderna e il musical delle superiori con le zie commosse e i genitori colle telecamere a filmare i pargoli mascherati, gelati, pizzette e i costumi, la corsa nei due Sassi e il basket in piazza col prof d’educazione fisica, e ora anche il veglione di capodanno col presentatore famoso che dice le barzellette sporche come lo zio e conta i secondi all’incontrario colla bottiglia dello spumante in mano: sette, sei … tre, due, unoooo … flop. 

L'allineamento alla perenne infanzia del consumismo è completo.