visitatori

mercoledì 17 febbraio 2016

poesia del clero ricco

Ma davvero in fede voi pensate
che dando soldi a preti e sacrestani
- come una tangente data a rate - 
si compra il paradiso dei cristiani?

Siete padronissimi di crederlo,
noi di certo non ve lo proibiamo
in questo siamo diversi da voi:
che vietate i diritti altrui.

Ma, cari fedeli, se proprio giù
nel vostro cuore desiderate
che vivano negli agi come pascià
questi vostri ministri dell'aldilà,

di grazia, fatelo a vostre spese
dategli pure ogni VOSTRO avere,
se questo vi dà gloria e piacere,
ma smettetela con le pretese

di continuare a farlo a nostre spese

(w/cody)*