visitatori

martedì 18 febbraio 2014

Giordano Bruno

Giordano Bruno: I viaggi, i processi, 

la morte.


Uno sguardo alla tormentata esistenza del grande filosofo, arso vivo a Campo de' Fiori il 17 febbraio 1600
------------------------------------

"(...) La Chiesa non si è mai, mai scusata per aver ucciso un uomo solamente perché volle vivere e pensare liberamente. Il massimo che è riuscita a dire, a distanza di secoli dalla brutale uccisione, nel 2000, tramite Giovanni Paolo II, è che la morte di Bruno «costituisce oggi per la Chiesa un motivo di profondo rammarico». Profondo rammarico, certo, ma non pentimento. (...)"                                                     
                                                                di Simone Germini


Il 17 febbraio ricorre l'anniversario della uccisione di Giordano Bruno: una data che pochi rammentano. 
La chiesa invece il 17 settembre ricorda San Roberto Bellarmino. 
Colui che lo fece orrendamente torturare prima di metterlo vivo sul rogo e che si "occupò" anche di Galileo, nel 1930, per "la eroicità delle sue virtù" fu proclamato santo da papa Pio XI.
Chiaro?                                                                                                                                                                                                                                                                                      (w/cody)*